COMUNITÀ CATTOLICA ITALIANA

BAD HOMBURG

gallery/big-church
gallery/emblema2abx

La nostra missione

gallery/badhomburg cripta

Gli uffici ed i locali della comunità cattolica italiana del Hoch-Main Taunus si trovano  in:  Dorotheenstrasse 11, D-61348 Bad Homburg v. d.H. (Germania)

Telefono:     06172  25417

Fax:              06172  20257

SEGUIRE LA MESSA

DA CASA

 

Per chi ancora non riesce a partecipare alla messa di persona (perchè teme per la propria salute, perchè non ha possibilità di raggiungere la chiesa...), valgono le possibilità offerte dai vari mezzi di comunicatione TV e Internet. (RAIUNO alle 11:00, su CANALE 5 alle ore 10:00 e su TV2000 tutti i giorni alle 7:00, 8:30, 19:00 oppure in tedesco sul sito della diocesi www.bistumlimburg.de)

gallery/emblema2abx

Contatti

Parroco

DON DANILO DORINI

06172 25417

0176 31051765

dorinidanilo@gmail.com

 

Referente pastorale

GEORG FELLER

06172 25417

0176 57905612

georg.feller@comunita-cattolica-italiana.de

 

Referente pastorale

GWENDOLYN ROJAS

06172 25417

g.rojas@comunita-cattolica-italiana.de

 

Segreteria

ELENA REALI

06172 25417

segreteriabhg@comunita-cattolica-italiana.de

gallery/don danilo 72x102
gallery/georg
gallery/neues foto
gallery/foto elena

AIUTO

PER L'ITALIA

COLPITA

DAL CORONAVIRUS

 

AIUTO PER L'ITALIA COLPITA DAL CORONAVIRUS

Iniziativa di solidarietà

 

 Come molti sanno il nostro parroco Don Danilo Dorini proviene dalla Lombardia, proprio la regione italiana

maggiormente toccata dalla diffusione del Covid19. In questi giorni ha raccolto la richiesta di aiuto di un amico prete, Don Luca Piazzolla, parroco della parrocchia di  San Giuseppe di Sesto San Giovanni, città della provincia di Milano. A Milano e provincia fino ad ora (dati del 13 aprile) ci sono stati ben 14.161 casi di Coronavirus.

 

Sesto San Giovanni ha circa 82.000 abitanti e si trova a nord di Milano a cui è collegata dalla linea principale della metropolitana. Data la vicinanza con la metropoli è stata colpita molto dal virus. Inoltre essendo una città industriale il sindaco, all’inizio della pandemia, ha proprio detto che era importantissimo limitare i contagi e chiudere tutto. Queste le sue parole del 23 marzo che descrivono bene la situazione: «A Sesto San Giovanni abitano moltissimi over 65, si parla del 35% dei residenti. Si tratta di ex operai che hanno lavorato negli anni ’70 e ’80 in fabbriche, acciaierie e fonderie e che adesso hanno diverse criticità come problemi respiratori legati all’esposizione all’amianto. Non hanno i polmoni “sani” e, se dovessero contrarre il virus, rischierebbero di non farcela».

 

Insieme alla Caritas di zona, Don Luca porta un aiuto alimentare a tutte quelle famiglie che in qualche modo sono state colpite dal Coronavirus, perché hanno perso un famigliare, perché sono rimaste senza lavoro o a causa di una separazione. Per farci un quadro della gravità del momento, Don Luca ci ha descritto la situazione di almeno dieci casi: ad essere in difficoltà sono famiglie intere, coppie ma anche singole persone.

 

Questi dieci casi, che sono solo una minima parte di chi ha bisogno, descrivono però quanto sia drammatica la situazione e quanto sia immenso il lavoro di aiuto richiesto alle varie istituzioni. Don Luca sarebbe a noi tutti molto grato per il nostro sostegno.

 

Noi come comunità cattolica italiana abbiamo deciso di sostenere il grido d’aiuto della Parrocchia di San Giuseppe e invitiamo tutti voi a sostenere il progetto facendo una donazione alle seguenti coordinate bancarie:    

La nostra Missione sostiene la Parrocchia di Sesto San Giovanni in Italia nel suo aiuto alle persone particolarmente colpite dagli effetti della pandemia.

Sostieni questo progetto e fai anche tu una donazione!

Le coordinate bancarie e informazioni dettagliate nel box sotto.

gallery/andra-tutto-bene
gallery/andra-tutto-bene
gallery/bild1
gallery/bild4

Coordinate bancarie

Bankverbingungen

 

Destinatario

(Kto. Inhaber)

 

 

IBAN

 

 

BIC

 

 

 

 

Causale (Betreff)

 

 

 

 Parrocchia S. Giuseppe - oratorio

 aiuto covid 19

 ICRAITRRCL0

(attenzione: l'ultimo carattere è uno zero)

 IT72 J084 5320 7030 0000 0120 240

Ascensione del Signore
gallery/commento

“Detto questo, mentre lo guardavano, fu elevato in alto e una nube lo sottrasse ai loro occhi”.

 

Gesù, il Risorto, è apparso ai discepoli più e più volte durante il "tempo di Pasqua". E ora l’Ascensione: Gesù, che sale al Padre, per partecipare alla costruzione del Regno di Dio. Tutto questo è stato sicuramente molto triste per i discepoli: non avrebbero più visto il loro Maestro. La cosa che adesso rimane è la sua parola e la promessa che lo Spirito Santo verrà presto tra di loro.

Cosa significa questo per noi oggi, visto che neanche noi possiamo vedere il Risorto?

Nella lingua inglese si distingue tra i termini "Sky", come il cielo che vediamo quando guardiamo in alto, e "Heaven", lo spazio di Dio. Il cielo ci mostra lo spazio di Dio per il quale non dobbiamo guardare in alto. Possiamo trovarlo guardando nella sua creazione, ma anche dentro di noi. Questa distinzione ci aiuta a capire che, anche se non possiamo vedere Dio, possiamo credere in lui.

Se prendiamo sul serio la parola di Dio, che tutta la vita viene da Lui, la creazione, gli animali e le persone, allora è chiaro: Dio non è "su" nel cielo, che inizia oltre le nuvole. Dio è presente nella sua creazione e in noi esseri umani e lì possiamo trovare anche Gesù. Perché il luogo di Dio non è qualcosa di astratto, uno spazio in più nell'universo, ma la sua presenza è tangibile in noi, anche oggi.